Utente: ricordami
Parola d'ordine:
Registrati Regolamento Istruzioni
USA Shield
  ricerca avanzata

Gobrecht Dollars (1836-1839)

USAMonetazione FederaleSilver and Related Dollars (Dollari d'Argento e collegati)
<< 1804 Dollar   Liberty Seated (1840-1873) >>

commenti
Gobrecht Dollars (1836-1839) (Moneta)
clicca sulle immagini per ingrandirle
DrittoVerso
Figura femminile simboleggiante Lady Liberty, con un lungo abito drappeggiato, seduta su una roccia. Con la mano sinistra tiene un'asta, sormontata da un berretto frigio. La mano destra si appoggia a uno scudo e tiene una fascia con la scritta LIBERTY. Sotto la roccia, la data. A seconda dell'anno di emissione e delle varianti, il nome dell'incisore può essere assente, comparire sotto la roccia, o essere scritto sulla base della roccia. Quando compare è nella forma C. GOBRECHT F. (Christian Gobrecht Fecit). Nelle varianti in cui non compaiono stelle al rovescio, ne sono presenti 13 nel giro del dritto. Aquila in volo volta a sinistra. Nel giro, in alto UNITED STATES OF AMERICA, in basso il valore, ONE DOLLAR. A seconda dell'anno e delle varianti, il campo della moneta intorno all'aquila può essere vuoto o contenere 26 stelle, a simboleggiare gli Stati che all'epoca facevano parte dell'Unione. A seconda della presenza o meno delle stelle, varia anche la posizione dell'aquila, in volo vero l'alto quando ci sono le stelle, in volo orizzontale in assenza di stelle.

Le monete, tutte coniate a Philadelphia, non presentano segni di zecca.

Nel 1836, dopo una pausa di oltre 30 anni, ripresero ufficialmente le coniazioni del dollaro d'argento, con un modello completamente rinnovato che prese il nome dal suo incisore, Christian Gobrecht.

Il dritto, disegnato da Thomas Sully, mostrava una Lady Liberty seduta, ispirata alla raffigurazione allegorica della "Britannia" sulle monete inglesi, ma fu il rovescio ad essere davvero innovativo. Per la prima volta compariva sulle monete americane una "vera aquila", ossia disegnata basandosi sull'osservazione dell'animale in natura, e non su sculture della tradizione coloniale o sull'araldica. La leggenda dice che il disegnatore, Titian Peale, abbia voluto ritrarre Peter, un'aquila addomesticata che, nel 1830, viveva presso la Zecca, di cui era diventato la mascotte. Girava liberamente per la Zecca, fino ad avere accesso a tutte le stanze, e veniva lasciato volare liberamente sopra la città di Philadelphia ogni volta che lo desiderava. Di notte, si appollaiava presso la Zecca. Peter era molto popolare e tutti lo riconoscevano mentre volava maestosamente sopra i tetti della città. Purtroppo, un brutto giorno, un'ala di Peter fu presa nel meccanismo di una pressa, e sebbene gli impiegati della Zecca facessero di tutto per salvarlo, i loro sforzi si rivelarono vani. Peter venne allora imbalsamato, e il suo corpo esposto nei locali della Zecca, dove può essere visto tuttora. Non è chiaro se Peale abbia potuto studiare Peter in volo dal vivo, o abbia visto soltanto il suo corpo imbalsamato, o ancora, come sostengono alcuni, non abbia fatto né l'uno né l'altro, ispirandosi invece per la sua aquila ai disegni di alcuni naturalisti, tra cui il famoso ornitologo John James Audubon. Comunque siano andate le cose, il risultato fu straordinario.

I "Gobrecht Dollars" furono considerati a lungo alla stregua di "pattern coins", monete di prova mai entrate in circolazione, ma il ritrovamento sempre piú frequente di monete con evidenti segni di usura, e un piú attento esame dei registri della Zecca dell'epoca, hanno infine portato gli studiosi a ritenere che i dollari del 1836 e 1839 abbiano effettivamente, almeno in parte, circolato, mentre quelli del 1838 sono indubbiamente semplici "patterns".

Tra il 1850 e il 1870, parallelamente alla produzione dei dollari 1804 "Class II" e "Class III", furono realizzati alcuni "restrikes" (riconii) dei dollari di Gobrecht, con le stesse date delle monete originali. Sebbene non si tratti di coniazioni ufficiali, sono molto ambiti dai collezionisti, ed ottengono realizzi notevoli ogniqualvolta vengono proposti in asta.

Contorno: liscio per il 1836; rigato per il 1838-1839
Nominale: 1 Dollaro
Materiale: Ag e Cu in percentuale variabile: da Ag 892 Cu 108 a Ag 900 Cu 100
Diametro: 38,1 mm
Peso: 26,69-27,02 g
Anni Cod. Zecca Officina Incisore Tiratura Immagini
1836 US-SD/13-2Philadelphia- Christian Gobrecht1 000
1836 Struck in 18371  US-SD/13-3Philadelphia- Christian Gobrecht600 
1838 Pattern US-SD/13-4Philadelphia- Christian Gobrecht
1839 US-SD/13-5Philadelphia- Christian Gobrecht300
Totale:1 900 
1 I 600 esemplari furono rifusi perché non conformi. Si conosce un esemplare con bordo rigato, datato 1836, ma non è chiaro se faccia parte dei 600 coniati nel 1837 o sia stato coniato successivamente

Bibliografia specifica

  1. YEOMAN, R.S., The Official Red Book - A Guide Book of United States Coins, 68th Edition, Whitman Publishing, 2014

Powered by NumisWeb 7.7.1    Utenti online in tutti i cataloghi:
Ultimo utente iscritto maumac48, gioved├Č 22 febbraio 2018 alle ore 14:22

Pagina generata in 0.028 secondi, numero di query al DB: 52